Apertura uffici al pubblico: dal lunedì al giovedì dalle ore 8.30 alle ore 13.00 e il venerdì fino alle 12.30  ♦  0423 2917 info@consorziopiave.it

Speciale

AVVISI DI PAGAMENTO 2016

Consorzio Piave: la sicurezza idraulica prima di tutto

Il Consorzio Piave approva il bilancio e l’attività 2017: promossi i Piani delle Acque anche per il 2017 e lavori di manutenzione straordinaria da attuare in collaborazione con i comuni del comprensorio.

L'Amministrazione, ha confermato la previsione di spesa di altri 150.000 € per il contributo ai Comuni del comprensorio nel finanziamento dei Piani delle Acque comunali, strumento di fondamentale importanza per la conoscenza delle reti minori non demaniali e per il corretto governo idraulico del territorio.

Esprime soddisfazione il Presidente, Giuseppe Romano, che dichiara: “La nostra amministrazione, insediatasi nel 2014, ha da subito perseguito e fortemente voluto confrontarsi con i sindaci del comprensorio (93 comuni) proponendo la realizzazione dei "Piani delle acque" comunali mettendo a disposizione, oltre che la consulenza gratuita e le banche dati consorziali, la somma di euro 83'883 nel 2015 per il finanziamento di 12 comuni e 110'000 nel 2016, di cui 87’650 già impegnati per 11 comuni la rimanenza in corso di sottoscrizione con altri 3 comuni. In pratica il Consorzio da circa due anni mette a disposizione la propria competenza tecnica, le informazioni in proprio possesso e un contributo economico per tutte quelle amministrazioni che intendono conoscere e prevenire situazioni di criticità idraulica lungo la rete minore in ambito urbano. Chi ha aderito ha compreso l'importanza di superare l’"emergenza" con la "pianificazione". E' stata mantenuta anche per il prossimo anno la disponibilità ad impegnare 300.000 € per lavori di manutenzione straordinaria su reti di scolo da attuare in collaborazione con i 93 comuni del comprensorio. Si potrà in tal modo finanziare in forma congiunta i primi interventi che i Piani delle Acque, laddove approvati, hanno identificato come prioritari.
Solitamente la compartecipazione del comune interessato ammonta al 50% dell'importo di intervento, garantendo in tal modo migliorie idrauliche a salvaguardia del territorio per un ammontare di circa 600.000 € nell'arco dell'annualità.

 

logo-anbi

meteo